• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday51
mod_vvisit_counterYesterday280
mod_vvisit_counterThis week2101
mod_vvisit_counterLast week2363
mod_vvisit_counterThis month6398
mod_vvisit_counterLast month10110
mod_vvisit_counterAll days1238529

We have: 10 guests online
Today: 22-04-2018
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Benvenuti in PieveAmbiente - Articoli in evidenza

 Pieve_ambiente_grande 

PieveAmbiente è il sito internet istituzionale del Comune di Pieve di Soligo dedicato alle principali tematiche ambientali.

E' gestito dall' Ufficio Ambiente Comunale per conto dell'Assessorato all'Ambiente e vi potete trovare informazioni sulle politiche ambientali dell'Amministrazione comunale, sullo stato delle matrici ambientali (acqua, aria, suolo e sottosuolo) nel territorio comunale, sull'educazione ambientale e sulla prevenzione e controllo dell'inquinamento.

  • Buona visita
  •  
    Come vanno gestiti i boschi PDF Stampa E-mail
    Mercoledì 21 Marzo 2018 09:22

    Taglio-del-legname-Eco-della-Lunigiana-696x468Il bosco non è solamente una legnaia dove andare a prelevare legname alla bisogna. E' un organismo molto complesso che svolge anche l'importante funzione di protezione idrogeologica e ambientale del nostro territorio. E' per tale motivo che chiunque abbia la necessità di intervenire su aree boschive nel territorio comunale deve operare attenendosi a specifiche normative e procedure che si basano sui principi di corretta coltivazione e conservazione degli ambiti forestali:

     

    1. Rispetto delle Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale (P.M.P.F) della Regione del Veneto;

     

    2. Dichiarazione/richiesta preventiva alla Regione del Veneto secondo i modelli predisposti dagli uffici competenti;

      

    3. Rispetto delle prescrizioni del vigente Piano di Riordino Forestale del Comune di Pieve di Soligo.

     

    Leggi tutto...
     
    Inquinamento luminoso: un lumen di troppo PDF Stampa E-mail
    Lunedì 19 Marzo 2018 08:07

    Via-Lattea-3Non c’è dubbio che l’Italia sia uno tra i Paesi con il più vasto patrimonio artistico, culturale e paesaggistico nel mondo; è un peccato che questo venga talvolta deturpato dall’inquinamento luminoso presente nelle nostre città con un’eccessiva presenza di luce artificiale.

     

    Successivamente al G20 del 2016 è emerso che proprio l’Italia ha il più alto indice di inquinamento luminoso tra i Paesi partecipanti all’incontro; i danni sono molteplici e costantemente in crescita, ne elenchiamo alcuni:

                                                                                                   

    Leggi tutto...
     
    Ricci e rospi: appello agli automobilisti sensibili PDF Stampa E-mail
    Giovedì 02 Febbraio 2017 09:46

    image001Con i primi tepori ricominceranno a muoversi ed uscire dai boschi i piccoli ricci (Erinaceus europaeus Linnaeus, 1758),  in cerca di nuovi territori dove vivere, e rospi (Bufo bufo Linnaeus, 1758), in cerca dei siti di riproduzione acquatici.

     

    Il riccio in genere ispira simpatia: è piccolo, inoffensivo, tondeggiante e soprattutto alla nascita presenta i caratteri tipici che nell’uomo inducono tenerezza.


    Il riccio si nutre in modo significativo di insetti dannosi per gli orti ed i giardini, lumache, uova di serpenti, piccole vipere, ecc. 

     

    Il rospo è sicuramente meno "carino", ma altrettanto utile.

     

     

    Leggi tutto...
     
    Il risparmio energetico migliorerà la qualità della nostra vita PDF Stampa E-mail
    Mercoledì 14 Marzo 2018 12:36

    lapadina fumanteIl Veneto continua a mantenere un ruolo leader a livello europeo riguardo la gestione dei rifiuti urbani, comuni e consorzi, tramite i gestori del servizio pubblico, hanno organizzato la gestione dei rifiuti in modo efficiente ed efficace, permettendo il concreto raggiungimento degli ambiziosi obbiettivi tramite anche una costante informazione e formazione di cittadini ed operatori. Purtroppo però non possiamo dire lo stesso nell’ambito del risparmio energetico, dove gli sprechi fanno parte della nostra routine e ai quali non diamo il giusto peso.


     Se pensiamo che il 60% dell’energia elettrica usata in Italia nel 2016 è stata prodotta da fonti che hanno elevate emissioni gassose in atmosfera, quali centrali termoelettriche o biomassa, è possibile creare una correlazione del tipo +consumo elettrico domestico = +smog nell’aria. Quindi tutti i nostri elettrodomestici, seppur in modo indiretto, inquinano l’ambiente.


    Tutti abbiamo esperienza di quanto produca una candela, ma sappiamo quanto produce una lampadina?


    Citando una ricerca di Ecoseven.net: “Per tenere accesa 2 ore una lampadina a risparmio energetico da 18watt vengono prodotti 19g di CO2 tramite la combustione di gas, mentre nello stesso arco di tempo una candela produce 20g di CO2”.
    Conclusione: una candela inquina come una lampadina.

    Leggi tutto...
     
    Rifiuti: + Riciclaggio = - Bolletta PDF Stampa E-mail
    Giovedì 08 Marzo 2018 12:44

    vetro

    UN RICICLAGGIO NON REALIZZATO CORRETTAMENTE COMPORTA UN AUMENTO DELLE NOSTRE BOLLETTE.

     

    Per esempio il riciclaggio del vetro è un problema tuttora presente, anche dopo oltre 20 anni di raccolta di questo materiale.

    A volte non si ricicla adeguatamente il vetro inserendo nei bidoni, inconsapevolmente, anche materiali che ad occhio sembrano vetro, ma in realtà non lo sono.

     

     

    La raccolta differenziata del vetro infatti consente di ridurre il numero di rifiuti destinati alla discarica, di abbattere i costi economici e sociali legati allo smaltimento, di ridurre il consumo di risorse naturali, di diminuire gli effetti dannosi derivanti dall’attività estrattiva, di ridurre i consumi di energia e quindi le emissioni di gas serra del processo produttivo, gas che poi ci troviamo a respirare.

    Leggi tutto...
     
    Obblighi per le ditte in materia di emissioni PDF Stampa E-mail
    Mercoledì 07 Marzo 2018 08:08

    Inquinamento elevato ariaSiamo nel periodo invernale che porta con se le ormai note criticità sulla qualità dell’aria, criticità che nel lungo periodo sono ritenute pericolose per la nostra salute.

     

    Presso le ditte che operano nel territorio comunale in genere vi sono impianti che, se non vengono installati e gestiti con riguardo, rispettando le leggi,  possono portare a una scarsa sicurezza delle persone che vi stanno vicine ed a sanzioni cui il proprietario dell'impianto potrebbe incorrere.

     


    Anche il sistema produttivo, che contribuisce in modo significativo (circa 1/3 del totale) alle emissioni in atmosfera, ha degli obblighi relativamente ai propri impianti che possono inquinare l’aria.

     

    Tali impianti sono principalmente di 2 tipi:


    1. Impianti tecnologici.

    2. Impianti termici.

     

    Leggi tutto...
     
    Uso e gestione corretti di impianti di riscaldamento e di condizionamento PDF Stampa E-mail
    Giovedì 22 Febbraio 2018 11:26

    stufaalegnaMolti impianti termici di potenza termica <35 kW che utilizziamo (ad esempio le caldaie, i caminetti e le stufe) non sempre vengono gestiti in maniera adeguata e, con il tempo, possono provocare problemi alla sicurezza degli abitanti, alla salute e all’ambiente. Per questi motivi, la normativa nazionale sull’efficienza energetica e la tutela dell’ambiente ha emanato obblighi e divieti che, se non vengono rispettati, comportano delle sanzioni da pagare.
     

     


    OBBLIGHI DEL CITTADINO CHE POSSIEDE UN IMPIANTO

    (D.Lgs. 192/2005 - D.P.R. 74/2013 - D.G.R. 1363/2014)


    • Deve possedere il/i libretto/i dell’/degli impianto/i termico/i (il numero dei libretti dipende da come sono realizzati gli impianti e sarà stabilito dall’installatore o dal manutentore dell’impianto). Non basta che il libretto dell’impianto sia cartaceo, ma è necessario che il libretto venga caricato dal manutentore o dall'installatore sul portale onlineCIRCE”. Se non possiede il libretto dell’impianto compilato e aggiornato, non è in regola con la norma e, quindi, verranno imposte delle sanzioni.


    • Il responsabile dell’impianto deve compilare e firmare la prima scheda del libretto e fimare anche la terza, ma solo se viene nominato un terzo responsabile. Inoltre, deve garantire il rispetto dei limiti di esercizio e dei valori limite della temperatura degli ambienti.


    • Le sanzioni che vengono imposte, se non si è in regola con la norma relativa al rendimento energetico nell'edilizia, devono essere pagate. Queste sanzioni variano da 500 a 3000 euro e riguardano esclusivamente gli impianti di climatizzazione invernale con potenza utile nominale maggiore o uguale ai 10 kW e gli impianti di climatizzazione estiva con potenza utile nominale maggiore o uguale ai 12 kW.

     

     

    DIVIETI PER IL CITTADINO


    • Non deve installare, fare una manutenzione e/o riparare l’impianto termico. Il "fai da te" è vietato. Le uniche persone che possono svolgere questi compiti sono gli installatori e i manutentori qualificati.

     

    Leggi tutto...
     
    Incidenti con il gas PDF Stampa E-mail
    Giovedì 22 Febbraio 2018 09:55

    FornelloAl giorno d’oggi vi sono molti incidenti causati da fughe di gas e dall’inefficiente funzionamento degli apparecchi che utilizzano il gas. Questi incidenti, che mettono a rischio la nostra salute e talvolta la nostra vita, sono causati dalla formazione di monossido di carbonio (gas inodore e incolore, fortemente tossico anche a basse concentrazioni), da miscele infiammabili (prodotte dall’unione di gas combustibili con l’aria in determinate proporzioni) e da incendi/scoppi.

    Leggi tutto...
     
    Bike 2 work - Al lavoro in bici PDF Stampa E-mail
    Martedì 06 Dicembre 2011 11:49

    Bicicletta1

    VADO AL LAVORO IN BICI - Brucio i grassi, non benzina! 

    Guida gratuita sul BIKE TO WORK a cura dei CICLOMOBILISTI (.it) adattamento alla realtà romana della guida gratuita di Carlton Reid e Tim Grahl, edita da Edinburgh Bicycle Cooperativa.

     

    Conosci qualcuno che vorrebbe andare a lavoro in bici? Allora cosa aspetti, passagli questa copia della Guida BIKE 2 WORK.

    Contiene ottimi consigli, esperienze di altri che hanno scelto la bici per i loro spostamenti, ma soprattutto le risposte a tutte le scuse più comuni su “Vorrei andare in bici ma…”

    Leggi tutto...
     
    Servizio raccolta rifiuti agricoli PDF Stampa E-mail

    trattoreE' possibile attivare la convenzione per la raccolta dei rifiuti speciali provenienti da attività agricole presso gli uffici di Savno s.r.l. - Via M. Piovesana 158/B, 31015 Conegliano (TV) - Tel. 0438 415524 int. 924, Fax: 0438 420008, e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

    Maggiori dettagli sul servizio ed il calendario dei giorni di raccolta per l'anno in corso sono disponibili sul sito di SAVNO al seguente collegamento:

    http://www.savnoservizi.it/servizi/raccolta-rifiuti-agricoli.html

     

    Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Giugno 2017 10:42
     
    © 2010 Comune di Pieve di Soligo