• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Obblighi per le ditte in materia di emissioni PDF Stampa E-mail
Mercoledì 07 Marzo 2018 08:08

Inquinamento elevato ariaSiamo nel periodo invernale che porta con se le ormai note criticità sulla qualità dell’aria, criticità che nel lungo periodo sono ritenute pericolose per la nostra salute.

 

Presso le ditte che operano nel territorio comunale in genere vi sono impianti che, se non vengono installati e gestiti con riguardo, rispettando le leggi,  possono portare a una scarsa sicurezza delle persone che vi stanno vicine ed a sanzioni cui il proprietario dell'impianto potrebbe incorrere.

 


Anche il sistema produttivo, che contribuisce in modo significativo (circa 1/3 del totale) alle emissioni in atmosfera, ha degli obblighi relativamente ai propri impianti che possono inquinare l’aria.

 

Tali impianti sono principalmente di 2 tipi:


1. Impianti tecnologici.

2. Impianti termici.

 

 

 

Impianti tecnologici1. Impianti tecnologici

 
Tutti gli impianti tecnologici che emettono flussi di aria che è entrata in contatto con polveri, vapori o fumi devono essere attentamente valutati e preventivamente autorizzati dalla Provincia di Treviso e autorizzati alle emissioni in atmosfera.
Ai sensi dell’art. 269 del D.Lgs.152/2006, per tutti gli stabilimenti che producono emissioni deve essere richiesta alla Provincia un’autorizzazione ai sensi della Parte V del D.Lgs. 152/2006.

 

Le Ditte hanno l’obbligo, mediante lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) ed utilizzando il portale telematico UNIPASS di:


• presentare domanda di autorizzazione per nuovi stabilimenti e per modifiche di stabilimenti esistenti ai sensi dell’art. 269 e dell’art. 275 con procedura ordinaria;


• comunicare le modifiche non sostanziali ai sensi dell’art. 269, comma 8;


• comunicare i cambiamenti di ragione sociale.

 

 

Le Ditte, se rientrano nelle specifiche previste e sempre con il medesimo portale UNIPASS, hanno facoltà di:


• comunicare la presenza di impianti/attività ad inquinamento atmosferico scarsamente rilevante ai sensi dell’art. 272 comma 1;


• aderire alle autorizzazioni a carattere generale rilasciate dalla Provincia per particolari categorie di stabilimenti ai sensi dell’art. 272 comma 2.

 

 

 

Anche a partire dal sito della Provincia è possibile richiedere l'Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.) per emissioni in atmosfera http://www.provincia.treviso.it/index.php/come-fare-per-completo/86-ambiente/aria trovando informazioni utili e il link di accesso al portale UNIPASS.

 

 

SanzioniSanzioni: vi sono diverse sanzioni di carattere penale e/o amministrativo previste ai sensi dell’art. 279 del D.Lgs.152/2006.


- Chi installa o esercisce uno stabilimento in assenza della prescritta autorizzazione ovvero continua l'esercizio con l'autorizzazione scaduta, decaduta, sospesa o revocata è punito con la pena dell'arresto da due mesi a due anni o dell'ammenda da 258 euro a 1.032 euro.


- Con la stessa pena è punito chi sottopone uno stabilimento ad una modifica sostanziale senza l'autorizzazione prevista.


- Chi sottopone uno stabilimento ad una modifica non sostanziale senza effettuare la comunicazione prevista è assoggettato ad una sanzione amministrativa pecuniaria pari a 1.000 euro.


stufaalegna2.Impianti termici

 
È importante saper usare e gestire correttamente gli impianti termici (ad esempio caldaie, caminetti, stufe e condizionatori) per inquinare meno l’aria. Per maggiori informazioni andare a vedere l’articolo “Uso e gestione corretti di impianti di riscaldamento e condizionamento”.

 

 

 

 

 

(Redatto da: Eleonora Campeol)

 
© 2010 Comune di Pieve di Soligo