Notizie Nord-Est

Agevolazioni


Protocollo d'intesa con la Guardia di Finanza
guardiafinanzaSi è svolta martedì 17/04/2012 in Municipio a Pieve di Soligo la stipula congiunta di due Protocolli d’intesa fra il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Treviso, rappresentato dal Colonnello t. ISSMI Giuseppe De Maio, il Comune di Pieve di Soligo con il sindaco Fabio Sforza e il Comune di di Santa Lucia di Piave con il sindaco Fiorenzo Fantinel, ai fini del coordinamento dei controlli sostanziali della posizione reddituale e patrimoniale dei soggetti beneficiari di prestazioni sociali agevolate.

Data la crisi che sta colpendo in modo capillare un numero crescente di famiglie, è bene mettere in campo uno strumento che sia in grado di verificare che i benefici vadano a quanti ne abbiano davvero bisogno. Il protocollo si muove esattamente in questa direzione, agevolando la collaborazione tra gli Enti preposti al fine di migliorare l’efficacia delle informazioni provenienti dal territorio e di indirizzare l’azione di controllo più specificatamente sulle posizioni reddituali e patrimoniali dei soggetti beneficiari di prestazioni sociali agevolate.

 

Verranno attivate a tal fine delle procedure che porteranno a dei controlli individuali e a campione, negli ambiti che riguardano in via prioritaria:
  • pratiche di edilizia residenziale pubblica;
  • accesso all’edilizia convenzionata e alla locazione agevolata;
  • forme diverse di sostegno economico (contributo affitti, contributi diritto allo studio, rimborsi utenze, assegni di cura, ausili per disabili, contributi integrazioni rette servizi anziani ...);
  • procedure per la definizione della contribuzione dell’utenza ai servizi domiciliari, per l’infanzia e scolastici; concessione assegni maternità e nucleo familiare numeroso.
 
Servizio di accompagnamento con volontari

dobloIl progetto è nato dalla necessità di assicurare un servizio di trasporto sociale per gli anziani ultrasessantacinquenni che non hanno la possibilità di spostarsi autonomamente poiché sprovvisti di un mezzo di locomozione e di sufficiente mobilità. Il servizio è finalizzato all’accompagnamento per motivi medico - sanitari presso i vari presidi ospedalieri e ambulatoriali del territorio e per varie necessità ritenute come fondamentali dai servizi sociali.

 

Gli interessati o un loro familiare devono presentare domanda su apposito modulo.

 

La domanda deve essere presentata all’Ufficio Servizi Sociali del Comune.

 

 
Bonus Sociale per l'energia elettrica e gas

Bonus_Gas

Dal 1° Gennaio 2009 tutti i Cittadini in condizioni economicamente disagiate e/o in gravi condizioni di salute residenti nel nostro Comune possono richiedere il BONUS SOCIALE PER L’ENERGIA ELETTRICA E GAS


Bonus-ElettricoIl Bonus Sociale è lo sconto sulle tariffe elettriche che viene applicato direttamente sulle bollette delle famiglie intestatarie di una fornitura di energia elettrica.

 

Tutte le informazioni e le istruzioni necessarie per richiedere il Bonus Sociale sono disponibili su Internet all’indirizzo
http://www.bonusenergia.anci.it

 

Dal sito i Cittadini possono scaricare tutti i moduli necessari per presentare la domanda di Bonus Sociale.

 

 
Tessera per agevolazione tariffaria mezzi di trasporto

autobusLe agevolazioni sono concesse sull’acquisto degli abbonamenti sia per la rete urbana che per quella extraurbana e l’ammontare dell’onere a carico dell’utente è pari al 20% (o 5% per alcune categorie).

 

Possono beneficiarne: pensionati con trattamento economico non superiore al trattamento minimo INPS, di età superiore ai 60 anni e privi di redditi propri; invalidi e portatori d’handicap con grado di invalidità non inferiore al 67%; ciechi civili assoluti o parziali, con residuo visivo fino a 1/10 in entrambi gli occhi; sordomuti; minori beneficiari di indennità; esercenti la patria potestà su minori handicappati; Cavalieri di Vittorio Veneto.

 

Per ulteriori informazioni e/o per presentare la richiesta della tessera, tel. ai Servizi Sociali al n. 0438/985342 o rivolgersi all'ufficio negli orari di ricevimento.

 
Contributo economico regionale a favore delle persone non autosufficienti assistite a domicilio


famiglia_disabileMRequisiti:

  • Che la persona sia non autosufficiente e sia adeguatamente assistita (ciò verrà verificato dal medico curante e dall’assistente sociale del Comune di residenza);
  • Che la situazione economica del nucleo familiare sia entro il limite stabilito dalla Regione (il valore dell’indicatore della situazione economica equivalente ISEE non deve superare € 15.444,83, tale limite viene aggiornato annualmente in base all’indice Istat).


Criteri di priorità:

  • Situazione di maggior carico assistenziale;
  • Famiglie che assistono persone affette da demenza, di tipo Alzheimer o di altro tipo e da gravi disturbi del comportamento;
  • Famiglie che si avvalgono a titolo oneroso di Assistenti Familiari (Badanti).
  • L’entità dell’assegno di cura varia pertanto in base al carico di cura, alla situazione familiare e all’assistenza fornita.


L’assegno sarà erogato dall'Ulss n. 7 con cadenza semestrale.